Integrazioni Send

Nella sezione Configura > integrazioni è possibile integrare Contactsend con sistemi di web analytics, quali:

Analytics

ContactLab possiede un proprio strumento di analisi post-click che permette di tracciare il comportamente dell’utente dopo il click, fino al percorso seguito sul sito di destinazione e a un’eventuale “conversione” (es. l’acquisto di un prodotto o la registrazione ad un evento). Se opportunamente configurato, i dati raccolti possono essere utilizzati per il calcolo del ritorno d’investimento (ROI) di una campagna.

Il sistema di Analytics di Contactsend richiede l’abilitazione dei permessi, attivati solo se previsti da contratto. Per rendere operativo il sistema è necessario l’inserimento di uno script (clabtrack.js) all’interno delle pagine per le quali è richiesto il servizio di analytics. Lo script può essere utilizzato per salvare, e comunicare alla piattaforma di analytics di ContactLab, una serie di coppie nome-valore utili al tracciamento delle azioni compiute dall’utente.

clab_config_integrazioni

Figura 1

Dall’interfaccia di ContactLab, sarà possibile configurare in pochi passi il sistema in modo che sia semplicemente utilizzabile. Sarà sufficiente dare un nome al sistema e crearlo.

clab-config_roi_04

Figura 2

A questo punto si potrà verificare quali sono i sistemi attivi, con la possibilità di recuperare il javascript da inserire sul proprio sito.

clab-config_roi_02Figura 3

Sarà inoltre possibile gestire le pagine di conversione e configurare le chiavi da utilizzare in modo da parametrizzare al meglio i dati raccolti.

Esempio applicativo: ammettiamo di avere un sito atto a raccogliere donazioni, potremmo mettere lo script nella pagina in cui si chiede conferma della donazione settando un parametro ‘cart’ in modo da raccogliere coloro che sono arrivati alla pagina di donazione. Potremmo poi inserire il javascript nella pagina successiva la donazione settando, ad esempio, i parametri ‘amount’ con l’importo donato, ‘currency’ con la valuta della donazione e ‘payment_type’ con la modalità di donazione (carta di credito, bonifico bancario, etc etc…) più altri parametri utili a piacimento (es: page_from per indicare da quale pagina si è avuta la donazione).

clab-config_roi_03

Figura 4: esempio di chiavi (in scuro le chiavi custom)

Attenzione: il sistema è parametrizzabile, per cui è sufficiente impostarne uno, anche nel caso debba essere utilizzato su più siti.

Google Analytics

Contactsend offre la possibilità di tracciare gli invii gratuitamente con Google Analytics.

Nelle sezione Configura –> integrazioni –> Google Analytics è possibile configurare i valori di default dei parametri di tracciamento (v. figura 5), ovvero

  • utm_medium ad esempio e-mail
  • utm_source: ad esempio l’id della campagna(variabile $#delivery_id#$)
  • utm_campaign: ad esempio l’oggetto della campagna (variabile $#delivery_subject#$)
  • utm_term
  • utm_content

google_analytics01

Figura 5: Configurazione parametri Google Analytics

I parametri di google analytics potranno essere popolati con valori fissi oppure con valori dinamici che verranno calcolati automaticamente dal sistema per ogni spedizione (tramite selezione da menù a tendina sotto ogni campo di testo). Posizionarsi con il mouse nella casella di testo del parametro utm da modificare ed inserirlo a mano oppure selezionarlo da apposito menù a tendina.

I valori dinamici disponibili e selezionabili da menù a tendina sono: – id della spedizione – oggetto della spedizione – data di partenza della spedizione – Identificativo azienda (in caso di account multi-azienda) – Link id

In questo caso cliccare sull’icona icona_aggiungi_ga per aggiungere il parametro.

Nella sezione Crea –> Spedizione email allo step Tracciamento link potrete specificare valori diversi per ciascun link.

Per tracciare tutti i link contemporaneamente sarà sufficiente selezionare da menù a tendina “Google Analytics” (v. figura 6)

google_analytics02

Figura 6: Tracciamento Google Analytics

Per tracciare solo alcuni link, cliccare sull’icona a lato del link e selezionare il tracciamento di Google Analytics da menù a tendina (v. figura 7)

google_analytics03

Figura 7: Tracciamento Google Analytics

Per modificare/definire i parametri di Google Analytics è sufficiente cliccare sulla “freccia” a lato del menù a tendina su ciascun link (v. figura 8)

google_analytics04

Figura 8: Tracciamento Google Analytics

Infine modificare i valori in base alle proprie esigenze (v. figura 9)

google_analytics05

Figura 9: Come modificare i parametri utm

Per propagare il valore appena inserito anche ad altri link cliccare sull’apposita icona “propaga il valore agli altri links” icona_propaga_ga Proseguire nella creazione della spedizione come indicato nel paragrafo Crea –> **Spedizione Email

Schema.org

Gmail ha lanciato nei mesi scorsi, in beta, una nuova modalità di visualizzazione delle email nel tab Promotions (nell’interfaccia in italiano, scheda Promozioni). Con questa nuova modalità grid (griglia), le email vengono visualizzate con una anteprima grafica che può anche utilizzare una immagine non presente nella email. E’ possibile configurare gli elementi da far apparire nella visualizzazione grid, utilizzando la sintassi di markup di Schema.org, progetto nato dalla collaborazione tra Google, Microsoft e Yahoo!. A tale proposito è disponibile l’integrazione Contactsend Schema.org. Per utilizzarla sono necessari determinati permessi. Cliccare su ” Crea nuova organizzazione ” ed impostare i dati richiesti:

  • Nome
  • URL del sito
  • URL Google Plus

clab_config_integr_schema

Figura 10

Una volta configurata l’integrazione, in fase di creazione spedizione, è possibile includere automaticamente una porzione di codice Schema.org in modo che le email con destinatari Gmail siano già ottimizzate per la visualizzazione Grid. Per farlo, cliccare sull’apposito link sotto il riquadro del contenuto in formato html: sarà possibile caricare dal proprio pc l’immagine che apparirà nell’anteprima, mentre l’icona verrà presa automaticamente dalla pagina Google+ collegata.

clab_crea_schema

Figura 11

Maggiori approfondimenti sulla visualizzazione Grid nel nostro articolo sul blog in inglese di NewsletterMonitor.

Facebook

Per poter utilizzare le custom audience o i lead ads è necessario collegare almeno un Ads Account Facebook alla piattaforma ContactLab; è possibile configurare e collegare fino a 10 diversi Ads Account Facebook. La sezione di configurazione è accessibile tramite Configura > Integrazioni > Facebook (fig.12)

clab_configintegrazioni-facebook

Figura 12

La configurazione andrà eseguita per ogni singolo Ads Account Facebook e non sarà necessario ripeterla per eseguire il caricamento degli utenti sulle custom audience. Una volta giunti alla schermata di configurazione dell’integrazione Facebook, viene mostrato l’elenco degli Ads Account Facebook già configurati; alla prima attivazione, tale elenco risulterà vuoto.

Per procedere alla configurazione di un nuovo account, occorre cliccare sull’apposito tasto + inserisci un nuovo account (fig.13)

clab_configintegrazioni-facebook-newaccount

Figura 13

I dati richiesti per la configurazione sono:

  • Nome: un nome descrittivo per l’Ads Account Facebook
  • Account ID: l’id numerico dell’account Ads di Facebook

Dopo aver inserito le suddette informazioni è possibile richiedere l’access token, che verrà recuperato automaticamente, cliccando su “ottieni access token” (fig.14)

clab_configintegrazioni-facebook-newaccount-token

Figura 14

Richiedendo l’access token, Facebook chiederà all’utente di dare privilegi a Contactsend per accedere all’account Ads: tale privilegio è necessario per poter creare e caricare utenti sulle custom audience.

Attenzione: l’access token sarà legato all’utenza Facebook utilizzata; se si è già loggati su Facebook, allora verrà utilizzato quell’account, altrimenti verrà richiesto di effettuare l’accesso a Facebook con l’utenza che ha privilegi per l’account Ads Facebook.

Una volta ottenuto l’access token, cliccare sul tasto “salva”. L’account configurato sarà visibile nella schermata principale dell’integrazione con Facebook (fig.15), dove sarà possibile modificare, eliminare o visualizzare le informazioni relative a quel Ads Account.

Attenzione: l’access token ottenuto avrà una durata illimitata.

clab_configintegrazioni-facebook-newaccount-list

Figura 15

Una volta effettuato il collegamento con il proprio ad account di Facebook, sarà possibile integrare Contactsend con funzionalità quali il pubblico personalizzato (custom audience) e le inserzioni per inserimento contatti (lead ads).

Pubblico personalizzato

E’ possibile utilizzare un database presente in Contactsend o una parte di esso (filtro) per creare un nuovo pubblico personalizzato (custom audience) su Facebook o alimentarne uno già esistente. Questo può essere fatto direttamente all’interno del pannello di gestione del database (area configura > db utenti) alla voce “pubblico personalizzato”.

Nell’area “configura > integrazioni > facebook” saranno visibili le sincronizzazioni esistenti tra Contactsend e le custom audience di Facebook. Si possono visualizzare, da Contactsend, alcuni dettagli dei pubblici personalizzati collegati. In particolare, cliccando sul tasto “Info” sarà possibile visualizzare gli attuali pubblici presenti sull’account (indipendentemente da chi le ha generate) con la numerosità e la data di ultima modifica (fig.16)

clab_configintegrazioni-facebook-info

Figura 16

Sia in fase di creazione che di aggiornamento di pubblici già esistenti, Facebook richiede che venga specificato l’origine del dato, ovvero se i dati dei contatti che si stanno caricando sono stati raccolti direttamente dai propri clienti, se provengono da terze parti o se sono una combinazione di entrambe le fonti. Contactsend permette di farlo attraverso un semplice menù a tendina: